Silvia: una strada alternativa c’è e si chiama Destinazione Umana