Perché per me “nomade digitale” non sempre fa rima con viaggiare