L’insensibilità del ritorno. Non solo entusiasmo dopo 6 mesi a Mosca