Bibbidi-bobbidi-bu e il male non c’è più: il balsamo di tigre